Potatura abbattimenti e gestione alberi ornamentali alto fusto - Quadriservice

Vai ai contenuti

Menu principale:

POTATURA ALBERI ORNAMENTALI ALTO FUSTO
Eseguiamo potature di alberi ad alto fusto con e senza l’ausilio di mezzi meccanici con tecniche di lavoro professionali. Il treeclimbing (arrampicata sull’albero) è una metodica di lavoro che usiamo per arrampicarci sulla pianta con operatori certificati per  lavori su fune secondo legge (art.116,comma 2 allegato.XXI D.L.g. 81/2008). Tale tecnica ci permette di raggiungere le parti della stessa dove i mezzi meccanici non arrivano. Le potature sono eseguite  nel rispetto della pianta senza recare danni che ne comprometterebbero la stabalità. Ci occupiamo di potature di contenimento, rimonda del secco, spalcature di alberi ornamentali ad alto fusto. Potature eseguite nel rispetto della pianta e della sua natura seguendo discipline di arboricoltura moderna senza degradare con potature sbagliate i vostri Alberi.
ABBATTIMENTI ALBERI ALTO FUSTO

Ci sono spesso situazioni dove gli spazi sono molto limitati per la presenza di manufatti, infrastrutture, presenza di altre alberature o perfino per la natura stessa del luogo di intervento che può essere impervio o di difficile accesso. Eseguiamo abbattimenti controllati di piante alto fusto, pericolose e/o malate con sistemi di controllo attraverso funi, frizioni e tecniche di smontaggio delle parti, nella più totale sicurezza per noi e per il cliente e per l'area circostante. Siamo preparati professionalmente per l’abbattimento controllato dove ci sono in gioco forze e pesi da non sottovalutare. Operiamo anche attraverso con piattaforme aeree e con operatori certificati per lavori su fune secondo legge (art.116,comma 2 allegato.XXI D.L.g. 81/2008). Disponiamo di coperture assicurative specifiche per tutelarci in caso di imponderabili eventi.

POTATURA E ABBATTIMENTI PALME

Le palme comprendono circa 2800 specie e il loro comportamento, in riferimento al distacco naturale delle foglie morte, e delle guaine, è assai vario pertanto, deve essere anche diversa la tecnica di potatura applicata. Per quelle specie che distaccano rapidamente le foglie (es. Phoenix canariensis) si deve intervenire prima che cadano a terra accidentalmente e possano causare danni. Dal punto di vista fitosanitario è da evitatare l’asportazione delle foglie verdi e le potature eccessive dello stipite anche e soprattutto per ridurre il rischio di  attacco del Rhynchophorus ferrugineus, conosciuto anche come PUNTERUOLO ROSSO, che se insediato porta velocemente alla morte l’esemplare. E’ importante avvalersi di professionisti capaci di consigliare e di praticare il giusto intervento.

FRESATURA E FRANTUMAZIONE CEPPAIE
L’operazione di fresatura dei ceppi è in grado di rimuovere efficacemente le ceppaie degli alberi abbattuti con una macchina chiamata appunto fresaceppi. Può essere utilizzata laddove sia necessario contenere i costi oppure quando non sia possibile operare con mezzi ingombrati e macchine escavatrici che rovinerebbero irrimediabilmente l’area di lavoro. Con la fresaceppi è possibile “consumare” in legno del ceppo fino ad una profondità variabile dai 25-40 cm. Effettuando questa operazione, sarà poi possibile ricoprire la buca con idoneo terriccio e provvedere alla successiva semina del prato. Nel caso i ceppi siano circondati da cordoli, cemento, marciapiedi o fosse necessario ripiantumare nello stesso posto ad esempio viale alberato, è possibile utilizzare una frantuma ceppi realizzanto un foro di dimensioni variabili un cui è possibile rimettere a dimora una nuova pianta.
ANCORAGGI E CONSOLIDAMENTI DINAMICI

Con i termini consolidamento e ancoraggio si indicano le tecniche usate per assicurare la chioma dell'albero collegando tra loro le branche o parti del fusto che, pur trovandosi in condizioni strutturali precarie, siano ancora biologicamente attive e necessarie alla vita dell'esemplare, in modo da evitarne lo schianto. A seconda della tecnica con cui viene realizzato.
I sistemi di ancoraggio dinamici sono estensibili consentono cioè di frenare in maniera morbida i movimenti delle parti della pianta ancorate.
I sistemi di ancoraggio statici non permettono un'estensione del materiale. Si utilizzano per fermare le parti pericolose della chioma e consentire loro di continuare a crescere.
I sistemi di ancoraggio di sostegno infine si montano verticalmente e servono a proteggere lo spazio al di sotto dell'albero dalla caduta di branche o di parti della chioma, contenendone la forza e accelerazione.

CURA E GESTIONE ALBERI ORNAMENTALI
La moderna gestione del verde urbano deve operare costantemente il monitoraggio del patrimonio arboreo, avendo come obiettivo principe l'individuazione tempestiva degli alberi a maggiore rischio statico. Uno dei metodi migliori per effettuare questi controlli è la tecnica VTA (Visual Tree Assesstment).
È perciò necessario acquisire ed analizzare tutti dati disponibili onde convertirli in una strategia di gestione; tale attività ha lo scopo di tutelare il verde pubblico per la sicurezza della fruizione collettiva e per garantirne la migliore funzionalità estetica e paesaggistica.
Ai fini dello svolgimento delle analisi fitostatiche i professionisti esterni a cui ci affidiamo, si basano sulla procedura indicata nel "Protocollo ISA sulla valutazione di stabilità degli alberi".
Inizialmente si compie l'analisi visiva degli esemplari e si verifica quali possano essere le compromissioni a livello strutturale. Gli esemplari, a carico dei quali si rinvengono difetti strutturali di particolare entità, vengono sottoposti alla seconda fase, la quale comporta un approfondimento con strumentazione analitica.
Torna ai contenuti | Torna al menu